Alla conquista di Roma

roma altare della patriacopertina LA VELA (2)
Il gran giorno si avvicina. Roma mi attende e io farò in modo di non deluderla. Ho in serbo per essa un libretto di centotrenta pagine contenenti dieci racconti che – lo devo dire – a me piacciono…. Come si sostiene a Napoli, però, “ogni scarrafone è bello a mamma soia”, per cui questo particolare non conta. Il fatto è, tuttavia, che detti racconti sembrano non dispiacere neanche ai lettori e, per questo, il pensiero di affrontare la Città Eterna non mi spaventa più di tanto. Del resto, sono stati apprezzati anche dalla Giuria del Premio Nazionale di Calabria e Basilicata, che ha ritenuto di premiarli con una ufficiale segnalazione. Perché dunque non confidare anche nel favore dei lettori romani?
Ora, tuttavia, il problema è come convincere questi ultimi a venire – il 17 ottobre alle ore 17:00, alla Cartolibreria Skarabocchio – a conoscere me e il libro che ho scritto per loro. Sarebbe facile, per un volto noto della televisione o del cinema, creare un grande afflusso di pubblico: perché il pubblico, stranamente, è incuriosito più da chi conosce già che da chi non conosce ancora. Chissà, forse teme l’ignoto, o l’imbroglio dietro l’angolo. Sta di fatto che, se almeno non ha determinate garanzie da parte di qualche autorevole voce, nicchia un po’ a cedere alle lusinghe degli sconosciuti.
Come fare allora? Bene: facciamo che la garanzia La fornisca io stesso.
A quanti dubitano ancora di venirmi a conoscere dico che io scrivo per loro, non per me stesso. Del resto, non sono il solo: è una bugia affermare che si scriva per sé stessi! Si scrive per i lettori, altro che storie! E – aggiungo – per più lettori possibile. Questa è la mia garanzia: il fatto che il mio impegno, la passione di cui mi nutro da tanto tempo, sia al servizio dei miei simili. Coloro che leggono le mie pagine – e non solo le mie, ma tutte quelle scritte dall’invenzione della scrittura ad oggi – hanno l’opportunità di osservare la realtà al di fuori del loro personale punto di vista e la possono conoscere nella sua essenza e non solo nella forma, godendo di una miriade di altri punti di vista. L’intento che mi anima con la scrittura è di offrire un ulteriore punto di vista da cui osservare la realtà. Chi ne vuole approfittare, il 18 ottobre p.v., sarà il benvenuto alla Cartolibreria Skarabocchio di Roma.
Mi accompagnerà, e condurrà la serata, la giovane blogger Eleonora Marsella, organizzatrice della rassegna degli scrittori emergenti, che prevede undici presentazioni, dal 26/9 al 5/12/2015. Per rimanere aggiornati: www.ilblogdieleonoramarsella.it

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field