La Vela e altri racconti

Il nuovo libro di Arnaldo Ninfali

I dieci racconti brevi che compongono il volume La Vela e altri racconti parlano di scuola, ma non solo.

Nel primo, La Vela, l'autore evoca il mondo lontano della propria infanzia, quando poteva darsi il paradosso di un'antologia scolastica - La Vela appunto – che distraeva i ragazzi dai loro doveri di studio con le appassionanti letture che conteneva. E' un ritorno ai primi anni sessanta del secolo scorso e alla serenità di atmosfere perdute, ma ancora feconde di dolci ricordi e languide nostalgie.

A questo primo racconto di carattere autobiografico segue L'incidente stradale, che mostra quanto sia ottuso il punto di vista di chi si crede padrone del proprio destino e reagisce agli eventi secondo gli umori del momento.

Il terzo racconto, La strana lezione del prof. Paggi, rende giustizia della scarsa stima che a volte si nutre per gli insegnanti, dei quali si criticano con supponenza i metodi educativi senza conoscerne obiettivi e motivazioni.

Segue La gita scolastica, che racconta il dramma di un insegnante di lettere allontanato dalla scuola non perché non sapesse insegnare, ma perché, in una tragica occasione, non aveva saputo vigilare.

Il racconto successivo, La maledizione, ci introduce in un contesto popolaresco dei primi anni cinquanta del secolo scorso, quando il volere dei genitori era sacro e ad esso si poteva anche sacrificare la vita.

In Privata storia di una famiglia “per bene”, emerge come il retaggio culturale del ventennio fascista possa aver influenzato i metodi educativi applicati in un istituto scolastico privato fondato da un anziano e ricco ex banchiere fautore di un modello di famiglia patriarcale e autoritario.

Un insegnante di lettere romantico e appassionato è invece il protagonista di Come anche quel giorno Gardellini la scampasse in italiano, la storia di un alunno svogliato a cui il docente tocca le corde giuste del cuore con la lettura di una poesia di Pablo Neruda.

L'ottavo racconto, Ma che bella giornata professore!, narra, in tono ironico e caricaturale, la giornata infelice di un insegnante desideroso di svolgere con impegno la propria professione, e pone l'accento su un tema di stringente attualità come l'eccessivo carico di funzioni che oggi si attribuisce alla scuola.

Il protagonista del nono racconto, dal titolo Non tornano i conti, è un insegnante di matematica vittima di un ignobile raggiro da parte di alcuni studenti, i quali lo fanno ricredere sulla convinzione che l'insegnante debba prendersi cura soprattutto degli studenti più bravi.

L'ultimo racconto ha per titolo Il racconto e si propone di svelare il disagio che prova l'aspirante scrittore nell'affrontare il proprio travaglio creativo: un disagio generato sia dal conflitto col contesto in cui vive, con le difficoltà nel rapporto con i familiari e nella cura delle necessità quotidiane, sia da quello con la propria interiorità, attraversata da dubbi e insicurezze sulle scelte tematiche e narrative. Da ciò deriva un'esistenza tormentata e ansiosa che tuttavia non lo dissuade dal voler continuare a scrivere.

La Vela e altri racconti

3 Motivi per leggere questo libro

  • La rievocazione

    nel primo racconto, dei giorni gloriosi e spensierati dei primi anni 60, che aprirono i cuori alla speranza di un mondo migliore.

  • Riflessivo

    I racconti offrono numerosi spunti di riflessione su tematiche educative di stringente attualità.

  • La prosa

    semplice e scorrevole, che facilita la lettura e può rispondere alle esigenze di lettori di età e gusti differenti.

L'autore

Arnaldo Ninfali

Arnaldo Ninfali Arnaldo Ninfali nasce a Vigarano Mainarda (FE) il 2 maggio 1948. Dal 1968 vive a Verona, dove ha insegnato lettere in alcuni licei cittadini sino al 2011, anno in cui matura i requisiti per la quiescenza.

Al 2010 risale la sua prima pubblicazione, il romanzo breve Il Diavolo (Statale 11 Editore, VI), ma nel 2012 l'opera viene rieditata – in forma riveduta e integrata –, per Este Edition (FE), col titolo Scandalo '60 ritorno a Ferrara. Con questa definitiva versione risulterà finalista al concorso “Protagonisti 2012”. La vela e altri racconti è pertanto il suo terzo lavoro, ed è ispirato a quell'ambiente scolastico da cui l'autore si è da poco accomiatato. La maggior parte dei dieci racconti tratteggia infatti, in modo spesso ironico e caricaturale, personaggi e situazioni consueti nella scuola di oggi.

Quattro racconti della silloge La vela e altri racconti sono stati inclusi nell'antologia narrativa in e-book n. 13 edita da Opera Uno e, uno in particolare, dal titolo Il racconto, è risultato vincitore al concorso “il più votato dai lettori”.

Ho particolarmente apprezzato, oltre al racconto iniziale (che dà il titolo all'Opera) in modo particolare quelli di ambientazione scolastica. [...] I racconti di Arnaldo mi hanno ricordato i celebri "Ricordi di scuola" di Giovanni Mosca, un classico del genere.

Roberto Ghetti Insegnante

Una sorpresa, questo scrittore. Racconti brevi ma pieni di sentimenti e scritti molto bene. Da leggere assolutamente!

Enrico Testa Vice-caporedattore, RAI Sport